Tag: significati fiabe

Significato della fiaba di Pollicino

Significato della fiaba di Pollicino

In questo post ti parlerò del significato della fiaba di Pollicino La fiaba La storia di questo bimbo, ultimo di sette fratelli e così piccolo da non superare la grandezza di un pollice e per questo chiamato, appunto, Pollicino. I genitori non sono in grado […]

Significato della fiaba I vestiti nuovi dell’imperatore

Significato della fiaba I vestiti nuovi dell’imperatore

Oggi ti voglio parlare del significato della fiaba I vestiti nuovi dell’imperatore. La Storia La fiaba racconta dell’arrivo alla corte dell’imperatore di due truffatori che si fanno passare per ottimi sarti. I due abbindolano l’imperatore e tutta la sua cerchia facendo loro credere che stanno […]

Significato di Alice nel paese delle meraviglie

Significato di Alice nel paese delle meraviglie

In questo post ti parlo del significato di Alice nel paese delle meraviglie

La storia

Il racconto di Alice nel paese delle meraviglie è stato scritto da Carroll oramai due secoli fa, ispirato da una gita in barca insieme a tre bambine, di cui una si chiamava proprio Alice. Il racconto sarebbe stato scritto come dono per la bambina.

Narra l’avventura di Alice in un paese fantastico, dove si incontrano creature surreali e nulla sembrerebbe seguire le logiche della razionalità.

Un regno di surrealismo onirico che proprio alla fine si palesa essere appunto un sogno. La narrazione termina infatti con il risveglio di Alice che scopre di aver sognato.

Simbologia dei personaggi e dei luoghi

Durante il suo percorso all’interno di questo paese immaginario la protagonista incontra gli ormai celebri personaggi:

Il coniglio bianco:

una creatura che diventa fantastica perché antropomorfizzato. Alice è incuriosita da questo coniglio col panciotto e l’orologio, che corre gridando di essere in ritardo. Il tempo che scappa via, è relativo al mondo degli adulti, che hanno sempre qualche scadenza da seguire. Alice si trova a inseguire quindi questa fretta, che possiamo pensare come fretta di crescere, desiderio di entrare di corsa in questo mondo dei grandi, affascinante, ma sconosciuto, immaginato e ancora non compreso, sembra andare tutto al rovescio da come lo si crede.

 

Il brucaliffo

col suo parlare saggio e placido è apparentemente all’opposto del coniglio bianco, da dei suggerimenti ad Alice. Per fare chiarezza è necessario crescere, assumere consapevolezza di sé, capire chi siamo e dove vogliamo andare. Quando chiede ad Alice chi lei sia, la ragazzina risponde che sapeva chi fosse la mattina, ma di essere già cambiata molte volte da allora. Questa trasformazione evolutiva viene infine rappresentata a pieno dal bruco che diventerà una farfalla.

 

Il cappellaio matto

è uno dei personaggi con cui Alice si troverà a prendere il tè, un’azione apparentemente abituale e ben codificata, che trasposta nel regno fantastico di Alice perde tutte le sue regole. Sta a rappresentare il conflitto tra situazione ben codificata e nota e situazione nuova sconosciuta, dove non si sa come comportarsi. È un po’ il sentire del bambino verso il mondo adulto, prima di accedervi e iniziare a conoscere le “nuove” regole del gioco.

 

Il gatto del Cheshire

o stregatto o ghignagatto, è un personaggio misterioso, che appare e scompare, dando alla protagonista dei suggerimenti enigmatici. Sono in realtà degli inviti a diventare consapevole di sé, a scoprire chi è e cosa vuole, in definitiva a fare passi in avanti lungo il proprio cammino evolutivo. “Che strada devo prendere” domanderà Alice, “Dipende dove vuoi andare” risponde saggiamente il gatto.

 

La regina di cuori

è il personaggio antagonista, la “cattiva”. Racchiude, sempre col tocco surreale che permea tutto il regno, le caratteristiche che ci incutono timore negli adulti: l’essere arrabbiati, perentori, il voler risolvere tutto drasticamente. La regina vuole sempre “tagliare la testa” di chi la intralcia.

Significati della storia

Come evidenziano singolarmente tutti i personaggi, la storia di Alice nel paese delle meraviglie è legata al tema del diventare grandi.

A quanto e come questo mondo degli adulti appaia lontano, strano e dominato da logiche estranee ai bambini.

Alice più volte aumenta o diminuisce esageratamente le proprie dimensioni fisiche, una probabile rappresentazione della difficoltà del prendere le misure del percorso evolutivo che provoca profonde trasformazioni sia fisiche che psicologiche.

Leggi i significati di altre fiabe

Significato della fiaba di Cappuccetto rosso

Significato della fiaba di Cappuccetto rosso

Oggi ti parlo del significato della fiaba di cappuccetto rosso La fiaba La fiaba di Cappuccetto rosso, come molti altri racconti classici, affonda le sue radici in epoche molto antiche, soprattutto per quanto riguarda le versioni orali. In periodi più recenti è stata raccontata, per […]

Fanciulla senza mani

Fanciulla senza mani

Oggi voglio condividere in un post alcune riflessioni che ho inviato tempo fa in una favolettera, perché sono per me particolarmente importanti, riguardano una fiaba che si conosce meno rispetto alle super famose, è “La fanciulla senza mani”. LA FIABA IN BREVE Te la dico […]

Significato della fiaba dei tre porcellini

Significato della fiaba dei tre porcellini

Anni fa mi persi ne “Il mondo incantato” Di Bruno Bettelheim leggendo tra le altre il significato della fiaba dei tre porcellini.

LA FIABA

Nella fiaba ritroviamo i tre fratellini di differenti età e il lupo cattivo. Quet’ultimo, grazie all’ingenuità dei fratellini più piccoli riesce nel suo obiettivo di papparseli, venendo però “punito” per la sua cattiveria dal porcellino più grande, il quale riesce a cuocerlo quando si cala dal caminetto atterrando direttamente in pentola.

Nelle versioni più edulcorate i porcellini più giovani scappano quando il lupo ne distrugge le case nella casa del porcellino più grande che riesce a proteggerli e tutti insieme metteranno il lupo in pentola.

I SIGNIFICATI

(altro…)

Significato della fiaba di Biancaneve

Significato della fiaba di Biancaneve

Biancaneve è una storia che si perde nei secoli. Antica e in molte varianti, giunta sino a noi con introdotti cambiamenti che nel tempo l’anno resa adeguata alla nostra attuale percezione di come dovrebbe essere un racconto per bambini, poiché a un certo punto si […]

Significato della fiaba di Hansel e Gretel

Significato della fiaba di Hansel e Gretel

Oggi voglio raccontarti il significato della fiaba di Hansel e Gretel. Un classico dei fratelli Grimm che racconta l’importanza di crescere facendo la fatica di superare gli stadi di sviluppo precedenti. LA STORIA La storia, arcinota, ci narra dei due fratelli, figli di un taglialegna […]

Significato della fiaba di Cenerentola

Significato della fiaba di Cenerentola

Cenerentola è una delle fiabe più note in assoluto. Ne esistono, come accade per tutte le fiabe più antiche, tantissime versioni, anche se i temi centrali rimangono gli stessi. Spesso viene citata come ragazza estremamente fortunata, ma è davvero così?

LA STORIA

Una bambina perde la mamma in tenera età. Il papà si risposa e la matrigna che ha già altre figlie obbliga la fanciulla a svolgere tutti i lavori domestici. Quando sarà necessario Cenerentola riceverà un “aiuto magico” e potrà così svincolarsi da matrigna e sorellastre per vivere il suo lieto fine.

I SIGNIFICATI DELLA STORIA

La storia ha inizio con la perdita della figura materna. Un femminile buono, che lascia un vuoto. Questo vuoto da un punto di vista evolutivo possiamo considerarlo simbolicamente necessario a vivere il processo di crescita.

A mano a mano che una bambina cresce, i passi di separazione dalla mamma si faranno sempre più numerosi. Potremmo dire che dalla nascita in poi, la crescita è una graduale ma incessante separazione.

La matrigna e le sorellastre, una sorta di trio di streghe, mettono a dura prova Cenerentola. Alcune versioni della fiaba contengono una strega che propone delle prove alla protagonista. Si tratta di superare prove di “pazienza”. Esperienze attraverso le quali si dimostra di essere pronte a crescere. Si “merita” lo step di vita successivo.

Le sorellastre sono indolenti, non evolvono. Esse remano contro Cenerentola che, al contrario, compie la sua fatica evolutiva per diventare a pieno sé stessa. Anche esteriormente delle sorellastre vediamo la bruttezza, di Cenerentola la beltà. Sono rappresentazioni esteriori di doti interiori.

NON ERA POI UNAGRAN CULOQUESTA CENERENTOLA

Nel famoso film di Pretty woman, viene menzionata Cenerentola come simbolo di ragazza estremamente fortunella che trova uno ricco e figo che la salva dalla sua vitaccia.

Tuttavia manca una importante consapevolezza, che tra l’altro anche la protagonista del film incarna.

Prima di arrivare ad accedere ad una fase della vita, meritata e adeguata al livello evolutivo raggiunto, si passa attraverso la necessaria preparazione, che implica fatica e pazienza.

Accade così a Cenerentola che “si merita” l’intervento della fatina o dell’uccellino o di altro aiutante magico a seconda delle versioni, perché ha faticato, fa ciò che deve fare. Evolve con fatica e pazienza.

Accade così, a pensarci bene anche a Vivian Ward in “Pretty woman” che prima di vivere il suo davvero favoloso “lieto fine” passa attraverso un periodo di vita non facile davvero. Fatica e pazienza.

Come diceva Seneca: La fortuna non esiste: esiste il momento in cui il talento incontra l’occasione

E SU QUESTO ARGOMENTO HO SCRITTO UNA PICCOLA FIABA ^_^

Se ti sei preparata e sei adeguatamente pronta potrai cogliere la tua occasione. Altro che fortuna…

 

 

Iscriviti alla Favolettera

Il femminile nella fiaba

Il femminile nella fiaba

Il femminile nella fiaba è un testo di Marie-Louise Von Franz, psicoanalista, allieva  e collaboratrice di Jung. I PERSONAGGI FEMMINILI NELLE FIABE L’autrice si pone un quesito: Un personaggio femminile di una fiaba rappresenta realmente una donna, la sua situazione, la sua psicologia? Molte storie […]