Tag: 4-6 anni

3 modi di comunicare che favoriscono l’autostima

3 modi di comunicare che favoriscono l’autostima

Talvolta utilizziamo delle espressioni che incidono negativamente sull’ autostima dei bambini, invece ecco un modo di comunicare che favorisce l’autostima: Mettere in discussione il messaggio o il comportamento non il suo autore Questa modalità di approccio comunicativo è molto importante. Capita spesso di mettere in […]

3 modi per aumentare l’autostima dei bambini

3 modi per aumentare l’autostima dei bambini

Oggi ti voglio suggerire 3 modi per aumentare l’autostima dei bambini Cos’è l’autostima L’autostima è la considerazione che ciascuno ha di sé. È una condizione fondamentale per il benessere e la realizzazione piena nella vita. È molto importante che i genitori aiutino i bambini a […]

Facciamo amicizia con l’autismo

Facciamo amicizia con l’autismo

Lo scorso anno sono riuscita a pubblicare un testo a cui lavoravo da tempo intitolato Il mio amico è unico: facciamo amicizia con l’ autismo.

ASCOLTA IL POST REGISTATO

Perché un libro che parla di autismo

Ho scritto una fiaba intolata “Il gattino Blu” e poi un’altra dal titolo “Cippilù, lo scoiattolo del pianeta blu” e poi il testo de “Il mio amico è unico”. Sono scritti nati per spiegare l’autismo ai bambini, dopo aver trascorso alcuni anni a lavorare con degli amici speciali.

Tutto è cominciato una mattina di aprile del 2004, quando ho conosciuto la mia prima amica speciale: S.

S. è quasi mia coetanea, mi ha portato con sé nella sua stanza e invitato a guardare con lei le sue foto  e i suoi giornali preferiti. Spesso mi ha anche chiesto di ascoltare le sue canzoni preferite. Molte, molte volte.

Poi ho conosciuto N. che invece è un bambino di 9 anni quando inizio a lavorare con lui. Ama molto i video, non parla con me. Tuttavia, quando canto una canzone che ama molto, tratta dalla sua fiaba-cartone preferita lui dice qualche parola con me mentre canto.

Cosa mi hanno insegnato i miei amici con autismo

Ho conosciuto tanti altri bambini e ragazzi con autismo. Ciascuno con le sue attività preferite, con abilità specifiche su cui lavorare insieme. Soprattutto quello che mi hanno insegnato, ciascuno di loro nel suo modo speciale, è stato come stare bene insieme.

Il punto focale del mio lavoro è sempre stata la relazione. Anche quello più difficile. Senza però non era possibile procedere con quanto previsto dall’intervento psicoeducativo.

Ogni apprendimento passa sempre attraverso la relazione

Perché spiegare ai bambini cos’è l’autismo?

Capire come fare amicizia con un amico speciale è un arricchiamento. Aiuta i bambini della classe ad avere maggiori consapevolezza e competenze relazionali. Aiuta i bambini con autismo a vivere bene nel contesto classe aumentando le loro competenze relazionali verso dei coetanei che li capiscono e sanno come interagire e comunicare con loro.

Il mio amio è unico: facciamo amicizia con l’autismo

copertina libro con due bambini che scambiano un immagina con oggetto

Il libro è un dialogo tra una mamma e una figlia in cui la bambina racconta che a scuola le hanno spiegato le caratteristiche di un bambino con autismo e come poter essere suoi amici. Il libro contiene alcune schede con giochi e suggerimenti per relazionarsi in maniera positiva con il proprio compagno di classe autistico.

Questo testo è nato dalla collaborazione  con la Dott.ssa Fabiana Sonnino, presidente della coop Tutti giù per Terrra ONLUS, con la possibilità di avere ancora le illustrazioni di un amico speciale: Diego Archilei, che già aveva illustrato per me la fiaba di Cippilù e che ringrazio di cuore.

A questo link trovi info sul libro e un estratto.

Come dire ai figli che ci separiamo

Come dire ai figli che ci separiamo

Come dire ai figli che ci separiamo è  una domanda che mi è stata fatta spesso . [PUOI ASCOLTARE QUESTO POST A QUESTO LINK] Quando due genitori smettono di essere coppia non smettono però di essere genitori. Questo processo presuppone una scissione. Non si è […]

I bambini devono annoiarsi

I bambini devono annoiarsi

I bambini devono annoiarsi? Ebbene sì. In questo post ti racconto come creare momenti di noia ai bambini e insegnar loro il benefico effetto dei momenti di pausa accantonando l’horror vacui. [Per ascoltare la registrazione del post clicca qui] Scrivo questo post su impulso della […]

Le paure dei genitori

Le paure dei genitori

Pensate mai a come le paure dei genitori possano incidere sulle emozioni dei figli?

Scrivo questo post su impulso della preoccupazione di una mamma circa la possibilità di trasmettere proprie paure alla figlia.

[QUI PUOI ASCOLTARE LA REGISTRAZIONE DEL POST]

Ci sono alcuni aspetti da considerare per farsi un’idea riguardo a questa preoccupazione.

PREOCCUPAZIONE O FOBIA

Quella che sente il genitore è una preoccupazione, un timore che però non inficia il buon vivere quotidiano, non limita le esperienze, non induce ad evitare costantemente alcune situazioni, oppure sì?

Questo quesito è davvero importante, poiché qualora una persona, a prescindere dalla presenza dei figli, veda limitata la sua vita da una vera e propria fobia che ne circoscriva il benessere e le azioni quotidiane, prendere in considerazione la consulenza di uno psicologo è di grande aiuto.

WE REPEAT WHAT WE DON’T REPAIR

Questa frase di Christine Langley-Obaugh ci dà la dimensione di quanto sia importante essere consapevoli di nostri eventuali limiti e modalità di funzionamento al fine di lavorarci su per non trasmetterli inconsapevolmente ai figli. Se neppure sappiamo che una certa elevata preoccupazione potrebbe essere trasmessa ai figli, agiremo senza possibilità di cambiamento. Per cui porsi la questione è il primo passo utile per superare la difficoltà.

La consapevolezza è il primo passo, ma non il solo ingrediente necessario.

CONFINI

Una cosa importante da fare e dare i giusti confini alla paura che si prova come mamme. Dicendo che noi abbiamo la tal paura, non che l’oggetto della nostra paura sia in assoluto spaventoso. Riportando l’esempio che magari il papà o la nonna non hanno tale paura.

Ad esempio ho personalmente parecchia paura delle api, vespe, insetti che pungono. Ho cercato di circoscrivere questa paura a me, lasciando la possibilità a mia figlia di sapere che non tutte le persone hanno timore allo stesso modo, mostrandole come il comportamento del papà, o dei nonni sia diverso verso questi insetti. Non saprei dirti se avrà paura come me a mano a mano che cresce, questo dipenderà dalle esperienze, se la pungeranno potrà aumentare questa possibilità. Dare confini alla propria paura è però importante. Mostra al bambino che una certa cosa non è in assoluto qualcosa di cui aver timore.

SPIEGARE

Possiamo anche, soprattutto se un bambino lo domanda, spiegare perché abbiamo paura di una certa cosa, aiuterà anche noi a limitare il motivo del nostro timore. Magari abbiamo paura dei cani perché da piccoli c’era un grosso cane antipatico vicino a dove vivevamo che abbaiava sempre troppo spaventandoci. Anche in questo caso però diventa importante darei i giusti confini, offrendo a noi stessi e al nostro piccolo la visione che fuori dalla nostra esperienza negativa ce ne sono moltissime positive, dicendo in riferimento all’esempio specifico che però ci sono moltissimi cagnolini molto simpatici con cui fare amicizia.

ATTENZIONE ALLE PAROLE

I nostri pensieri, che danno impulso alle nostre azioni e che sono causa e conseguenza di esperienze ed emozioni, sono fatti di parole.

Le parole che usiamo quotidianamente ci possono far capire molto, se prestiamo attenzione, sul nostro modo di percepire e sentire rispetto a qualcosa.

Ad esempio possiamo essere molto preoccupate per il nostro aspetto fisico, per il peso, magari involontariamente diciamo spesso qualcosa relativamente al fatto che pesiamo troppo, o che non bisogna aumentare troppo di peso, o comunque quando ci esprimiamo sul tema, lo facciamo sottolineando l’importanza di essere magri e passando di conseguenza un certo tipo di messaggio ai figli.

Questi messaggi che passiamo loro inconsapevolmente possono creare la nostra medesima preoccupazione nei figli, anche se il nostro scopo non era certo che si preoccupassero del loro peso.

Facciamo quindi attenzione alle parole che utilizziamo. Se sappiamo di avere determinati timori poniamo attenzione a confinarli al nostro personale sentire, offrendo al bambino la possibilità di vedere che ci sono adulti importanti attorno a lui che non hanno la medesima preoccupazione.

Quando la paura è davvero importante e ci limita può aiutare l’aiuto di uno psicologo.

Leggi le informazioni sulle consulenze psicologiche online di cui mi occupo.

VUOLE SOLO LA MAMMA

VUOLE SOLO LA MAMMA

Capita anche a te di pensare “Vuole solo la mamma!”? [CLICCA QUI PER ASCOLTARE LA REGISTRAZIONE DEL POST] Scrivo questo post su impulso della domanda da parte di una mamma. Mi racconta di essere molto stanca e desiderare che alcune routine svolte con la sua […]

Conoscere i propri figli

Conoscere i propri figli

Conoscere i propri figli può sembrare scontato a volte, eppure non è così semplice. [Puoi ascoltare questo post, invece di leggerlo, CLICCANDO QUI] Senza pensare a figli adolescenti, in età già di per sé complessa, ma parlo anche di fasi di sviluppo più precoci. Se […]

Ecco perché punire i figli è sbagliato

Ecco perché punire i figli è sbagliato

Cara mamma,

forse sei anche tu come me figlia degli anni ’70, veniamo da un’epoca in cui PURTROPPO si riteneva adeguato PUNIRE i figli per educarli.

Spesso, NONOSTANTE questo tipo di modalità educativa, diventiamo persone adulte abbastanza sane ed equilibrate e, non avendo a disposizione altri modelli educativi, continuiamo a ritenere giusto usare punizioni con i figli.

Se ci capita di usare una punizione, in un momento di disperazione, rendiamoci poi conto però che è stato un fallimento educativo e cerchiamo magari di rimediare.

La cosa che mi preoccupa davvero è che lo si ritiene un modus operandi sano e giusto, promuovendolo come modalità adeguata di educare.

Talvolta, si porta a sostegno della propria opinione che anche la società è basata sulle pene per chi non rispetta le leggi. Credo però che possiamo ben renderci conto di cosa questi sistemi generino: ribellione, rabbia, ricerca di una scappatoia.

Purtroppo il messaggio della punizione è: “è necessario che tu soffra per quello che hai fatto”. Certo quasi mai i genitori sono coscienti di questo, non vogliono consapevolmente comunicare un messaggio simile ai figli, ma temono di diventare eccessivamente permissivi se si comportano altrimenti.

Immagino anche che la maggior parte dei genitori, se non la totalità, soffrano quando si trovano a dover punire i figli, tuttavia sentono che è necessario e importante dare regole e non vogliono nuocere ai figli come genitori lassisti.

SI POSSONO DARE REGOLE SENZA PUNIRE

Cara mamma, vorrei proprio riuscire ad abbracciarti e tranquillizzarti, si possono dare regole senza usare le punizioni.

Il modo in cui accogliamo i comportamenti dei figli, come ce li spieghiamo, il senso che diamo a quello che fanno ci danno modo di reagire in modi differenti: stando nella relazione e lavorando con le emozioni o impuntandoci sul comportamento e allontanandoci con le punizioni.

La cura della relazione e l’attenzione alle emozioni sono davvero il punto centrale. Ci permettono di “spersonalizzare” un comportamento, fermandoci nel momento emotivo, che ci consente di accogliere il bambino con la sua emozione. È molto importante che riusciamo ad accettare le emozioni, a permettere alle emozioni di esistere, a dare loro un nome, così insegniamo a riconoscerle e a viverle in maniera sana.

UN ESEMPIO

Provo a farti un esempio: Se un bimbo è molto arrabbiato e triste perché vuole un giocattolo, possiamo comunque riconoscere la sua emozione e stargli accanto. Anziché dirgli di smetterla e che si sta comportando male, o peggio che fa il cattivo; possiamo dire che comprendiamo che il suo desiderio era davvero forte e che ora si senta triste o arrabbiato, e accompagnarlo con un abbraccio, accarezzandolo per aiutarlo a calmarsi. Pensiamo a quanto può essere difficile per noi calmarci mentre siamo seriamente frustrate, vorremmo che chi ci ama ci aiutasse dolcemente a riguadagnare la calma o che ci urlasse contro?

Curiamoci delle emozioni, sono la base della relazione.

L’apprendimento passa sempre attraverso la relazione.

Un buon attaccamento ci permette di insegnare al meglio.

Ti lascio un articolo davvero bello su questo tema:

Which Is Better, Rewards or Punishments? Neither

Favole di Natale

Favole di Natale

Oggi voglio parlarti delle fiabe che ho racchiuso nel mio libro Favole di Natale. Babbo Natale e l’elfo dei pensieri La storia di un elfo pasticcione e di un bambino che impara a capire che i propri desideri sono sì importanti, ma non devono andare […]