Il regno di Molly e Papo

Il regno di Molly e Papo

Il regno di Molly e Papo è quel mio regno felice, no anzi, aspetta è QUESTO mio regno felice, è una roba vicina, dove io ci sono dentro.

Certo, quando dici regno, pensi a qualcosa che sta un po’ più in là da dove adesso tu ti trovi. Pensi a “QUEL” regno, lontano, nell’allora, nel c’era una volta, chissà quando, chissà dove. Invece, guarda un po’, nella vita se sei attento consapevole, costruttivo, non disdegni la fatica dell’affrontare e superar le prove, QUEL regno che si trovava un po’ più in là, ad un certo momento arriva nell’adesso, QUI e ORA.

Questo è il mio regno di Molly e Papo, un regno bello fatto di una bambina che aveva prima 0, poi 2,3,5 e ora 9 anni, un papà che è cresciuto insieme a lei e a me creando questo regno fantastico e reale a un tempo. Fatto di fiabe e di pane, di immaginario e di materia. Un regno dove stare è meraviglia, necessità, quotidiano, felicità e amore.

Nel regno di Molly e Papo sono felice tutti i giorni, come diceva Charlotte nel film “Sex and the city” ‘Non tutto il giorno tutti i giorni, ma tutti i giorni’.

Una fetta di felicità quotidiana
che sì è magia, è meraviglia,
ma che no,
non è fortuna, non è caso, non è accidentalmente accaduta.

Questa felicità è un regno alacremente in costruzione. 11 anni passati gli hanno dato vita nell’adesso, ma il lavoro al regno di Molly e Papo continua e io sono ogni giorno la più felice di abitarlo.

Ti auguro un regno bello, vero, fantastico e reale come il mio.

Si sono raccontate e si racconteranno molte storie in questo regno. Alcune ce le dimentichiamo con l’andare, altre resteranno indelebile ricordo. Ogni mattoncino del regno ci appartiene, è stato voluto e scelto, è stata accolta la fatica di sollevarlo e deporlo al suo posto.

Nessun regno come questo può esistere se non si sceglie di accoglierlo nella sua interezza, di saperlo tutto e volerlo davvero.

È il regno-amore-famiglia, è il regno-fantasia-meraviglia, è il regno-ilarità-divertimento, è il regno-tristezza-consolazione, è anche il regno rabbia–discussione, è il regno sorpresa-attenzione-coccola e molto altro che non si può scrivere a parole.

La cosa veramente che manca a questa descrizione, è che nel prendere momentanee distanze per descriverlo da fuori, gli ho sbagliato il nome. Il regno di Molly e Papo è un nome parziale. Questo che vivo io, invero, è il regno di Molly, Papo e mio.

2


Rispondi