Significato della fiaba di Pollicino

Significato della fiaba di Pollicino

In questo post ti parlerò del significato della fiaba di Pollicino

La fiaba

La storia di questo bimbo, ultimo di sette fratelli e così piccolo da non superare la grandezza di un pollice e per questo chiamato, appunto, Pollicino.

I genitori non sono in grado a un certo punto di sfamare i figli e per tale motivo il padre li va ad abbandonare nel bosco.

Una prima volta Pollicino riesce, lasciando dietro di sé una serie di sassolino, a fare ritorno a casa insieme ai fratelli.

La situazione di stenti in casa permane e i figli vengono portati una seconda volta nel bosco. Questa volta Pollicino abbandonerà dietro di sé delle briciole per poter ritrovare la strada, ma gli uccellini le mangeranno e la strada di casa non verrà ritrovata.

I ragazzini troveranno invece la casa dell’orco. Qui sono invitati a rimanere a mangiare e dormire, ma se lo faranno moriranno poiché l’orco vuole mangiarli!

Sarà proprio il piccolo Pollicino a sconfiggere l’orco e a rubare i suoi stivali, permettendo a tutti i fratelli di poter fare ritorno a casa, questa volta per un lieto fine, la carestia della famiglia è risolta.

Simbologie di personaggi e ambiente

Pollicino

per le dimensioni e il nome rappresenta il bambino piccolo, in effetti i bambini vi si identificano.

 

Il bosco

rappresenta l’inconscio, il percorso, il dover crescere e prendere consapevolezza delle proprie risorse con cui saper affrontare da soli situazioni che fino a qualche tempo prima non si era capaci di fronteggiare.

Riguardo i bambini piccoli può trattarsi di sapersi autogestire all’asilo, vivendo ed elaborando il distacco dai genitori.

 

I sassolini e le briciole.

Similmente a quanto avviene nella fiaba di Hansel e Gretel per ritrovare la strada vengono lasciati prima dei sassolini e poi delle briciole. Stratagemmi che appaiono a posteriori entrambi fallimentari.

Rappresentano il voler rimanere legati alla fase di sviluppo precedente e questo non è mai un bene. Si può aver necessità per un piccolo tempo, necessario allo svincolo, ma poi è sano e giusto crescere e costruire la fase di sviluppo successiva.

 

L’orco

rappresenta le paure dei bambini. La necessità di sconfiggerle per crescere è bene rappresentata nella fiaba, è proprio Pollicino che si serve della sua scaltrezza e riesce a superare le sue paure, cioè a sconfiggere l’orco, e a tornare a casa, stavolta non più da bambino piccolo che va nutrito, ma da ragazzino che ha fatto il suo percorso di crescita.

Significati

Pollicino racchiude il senso del crescere, il doversi separare fisicamente dai genitori, percorso che ha inizio nel bambino durante il secondo semestre di vita, quando i piccoli incominciano a percepirsi come soggetti divisi dalla mamma.

Diversi sono i momenti in cui i bambini, durante i primissimi anni, sperimentano la separazione dalla mamma: L’ingresso al nido, o quando la mamma deve allontanarsi per lavoro o altre ragioni per le quali non può portare il figlio con sé.

Inizialmente il bambino non riesce a gestire l’angoscia, teme che i genitori non tornino. Con il tempo quelle figure accudenti importanti che ha sperimentato entreranno a far parte del bambino che può conservare il ricordo della mamma e del papà dentro di sé.

Per questo è così importante essere presenti e a contatto con i piccoli i primissimi mesi e finché richiesto.

Più riusciamo a “riempire” di noi, del nostro amore i nostri bambini, più loro si sentiranno pieni della nostra presenza dentro di loro anche nei momenti in cui non saremo fisicamente presenti.

Ricordo mia figlia, bambina saggia, che quando aveva pochi anni e io avevo ripreso a lavorare alcune ore al giorno, quando tornavo voleva abbracciarmi e starmi vicina dicendomi: “mi sono svuotata di mamma, adesso mi devo riempire!”. Credo che queste sue parole siano state illuminanti per capire ancora meglio l’importanza dell’alto contatto al fine di favorire la sua autonomia.

 

Leggi i significati di altre fiabe

4


Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: