fbpx

Un senso alla perdita.

Un senso alla perdita.

Quando perdiamo qualcuno attraversiamo un lutto, ciascuno con i suoi tempi fino ad arrivare un’elaborazione che ci consentirà di dare un senso alla perdita.

“La sfida consiste nell’intrecciare i fili sottili di una vita spezzata per farne un’opera ricca di senso e responsabilità” (Gordon Allport)

LE PRIME REAZIONI

Inizialmente lo shock è grande. Non si riesce a rendersi conto a pieno dell’accaduto. Un meccanismo difensivo, quello della negazione, che si oppone al grande dolore scatenato dalla perdita.

Nella perdita pre e perinatale la situazione è ancor più particolare perché ci si può sentire davvero soli nel proprio dolore. Un dolore non sempre e del tutto riconosciuto da chi sta attorno.

Un dolore che però è reale e profondo per la madre da un punto di vista veramente anche fisico oltre che emotivo e più immaginativo ma sempre forte anche per il papà.

LE FASI SUCCESSIVE

Il lutto, superate le difese di negazione iniziali, ha bisogno di fare il suo corso.

Il dolore come un guado da attraversare ci consentirà di andare avanti se gli concederemo tempo.

Sono naturali sentimenti di tristezza, rabbia, colpa. La colpa non è reale certo, non c’è colpa. Avere consapevolezza che queste emozioni fanno parte dell’elaborazione della perdita può aiutare a farsi forza.

A un certo punto, si avrà la naturale necessità di trovare un senso alla perdita vissuta.

Trovare un senso è ciò che forse ci consente di accogliere quanto accaduto e continuare a vivere con quanto accaduto.

Non mi riferisco alla motivazione oggettiva che viene data, anche se a un certo punto si ricerca e si ha bisogno anche di quella per cercare di elaborare il lutto.

Quello a cui faccio riferimento è il senso che ciascuno, in base al proprio modo di essere e alla propria storia, trova per sé.

UN SENSO ALLA PERDITA

Qualcuno decide di dar vita ad un’associazione che si occupa di altre persone che vivono questa dolorosa esperienza.

Qualcuno può decidere di scriverlo, per condividere, attraverso un libro, la propria elaborazione ed essere comunque di sostegno ad altre persone nella medesima situazione.

Per altre potrebbe nascere la consapevolezza di una forza dentro sé stesse, che non credevano di avere e che gli consente di affrontare la vita in maniera nuova.

Ogni persona troverà un senso del tutto personale alla propria perdita.

Trovare un proprio senso alla perdita consente di accogliere e vivere con questa esperienza dentro di sé, elaborata e integrata in un proprio rinnovato modo di essere.

Letture consigliate

Viktor Frakl “Alla ricerca di un significato della vita” 2004.

J. Monbourquette, I. d’Aspremont “Scusate sono in lutto”

3


Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: