Libri e consulenze per migliorare la vita delle mamme e dei loro bambini

Consulenza psicologica online

Consulenza psicologica online

La consulenza psicologica online è una seduta di consulenza psicologica che puoi intraprendere comodamente da casa tua, o da dove deciderai di connetterti via Skype o Messenger, insomma con una tecnologia che ci dia modo di videochiamarci.

Perché ho deciso di fare consulenze online:

Per abbattare i costi miei e tuoi e poterci parlare direttamente da casa.

Naturalmente non nego il valore del rapporto umano dal vivo. Tuttavia, durante il primo anno di attività online, ho testato la validità dell’uso di questa modalità, valutando che fa al caso mio e, magari, anche al tuo.

Quando ti CONSIGLIO le consulenze psicologiche online:

Dopo aver letto e capito un po’ chi sono come professionista, anche se non vivi nella mia città, vuoi che sia io la tua psicologa.

Per organizzare i tuoi tempi quotidiani, riesci ad incastrare meglio il tutto, se una consulenza psicologica puoi farla abbattendo, oltre ai costi, anche il tempo che impiegheresti a recarti dallo psicologo e a tornare a casa o al tuo lavoro.

Quando ti SCONSIGLIO le consulenze psicologiche online:

Se per la tua difficoltà, uscire e raggiungere lo studio dello psicologo diventa per te un primo e importante passo di cambiamento. Questo possiamo valutarlo insieme durante la prima seduta. Sarà mia cura, in tali casi comunicarti questa evenienza e se possibile inviarti ad un fidato/a collega da te raggiungibile.

CON CHI LAVORO

Sempre più spesso negli ultimi tempi, leggo o ascolto professionisti di diversi settori che sottolineano l’importanza di “scegliere” con attenzione le persone con cui lavorare. Questo al fine di lavorare meglio e avere successo.

Ti confido una cosa: nella mia professione è un qualcosa che si fa da sempre, per etica professionale oltre che per motivazione personale al successo. Se io non posso essere la professionista che fa al caso tuo, devo dirtelo così che tu possa proseguire il percorso con chi saprà aiutarti. Non è etico che io lavori con chi non posso aiutare.

Così recita l’art. 37 del codice deontologio degli psicologi italiani:
Lo psicologo accetta il mandato professionale esclusivamente nei limiti delle proprie competenze. Qualora l’interesse del committente e/o del destinatario della prestazione richieda il ricorso ad altre specifiche competenze, lo psicologo propone la consulenza ovvero l’invio ad altro collega o ad altro professionista.

Se non posso lavorare con te, perché credo di non poterti essere di aiuto, sono obbligata a comunicartelo.

È etico e necessario ad aiutarti.

CHE TIPO DI DIFFICOLTÀ AFFRONTO PREVALENTEMENTE

  • SOSTEGNO IN GRAVIDANZA
  • SOLUZIONI PER COMPORTAMENTI DIFFICILI NEI BAMBINI
  • SEPARAZIONE E DIVORZIO
  • BAMBINI SPECIALI

Per saperne di più, conoscere anche modalità e costi leggi la pagina dedicata

1


Rispondi


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: