Autismo e linguaggio

Autismo e linguaggio sono spesso due termini di un conflitto. L’assenza di motivazione alla relazione comporta in molti casi assenza di capacità comunicativa. Manca, talvolta del tutto prima di un intervento riabilitativo, l’intento comunicativo.

Ho potuto osservare negli di lavoro con i bambini con autismo, la validità del verbal behavior.

Cos’è il verbal behavior?

Con il termine verbal behavior, comportamento verbale, si fa riferimento a quanto esposto da B.F. Skinner, psicologo comportamentista americano del secolo scorso (1904 – 1990). Nel suo testo categorizza il linguaggio in funzioni verbali, chiamati operanti verbali.

Ogni termine del linguaggio può essere categorizzato in base alla funzione che sta avendo nella comunicazione tra i parlanti.

Un esempio è utile a chiarire:

Funzione richiestiva

Se un bambino dice “PALLA” perché vede la palla e la vuole sta facendo una RICHIESTA.
La funzione richiestiva è un operante verbale fondamentale, il parlante esprime attraverso di essa un suo bisogno, per cui specifica il rinforzo desiderato e viene direttamente rinforzato dalla risposta alla sua richiesta.

Funzione ricettiva

La persona che rispondendo alla richiesta porge la palla al bambino agisce la funzione RICETTIVA del linguaggio, la comprensione del linguaggio udito relativo ad un oggetto visibile che si manifesta in una risposta anche non verbale, il porgere la palla al bambino nell’esempio citato.

Funzione espressiva

Se il bambino vede la palla e chiede “cos’è?” e la mamma risponde “palla”, la sta etichettando, attua cioè una funzione ESPRESSIVA.

Funzione ecoica

Quando un bambino sta imparando a parlare un passo importante è l’imitazione, detta anche comportamento ECOICO, imitare una parola detta da un’altra persona.

Funzione intraverbale

Se due persone stanno parlando di un oggetto non presente: in un gioco una persona può chiedere “dimmi l’oggetto tondo con cui giocano i bambini” e l’altra persona risponde “palla”, in questo caso la palla non è presente, si fa riferimento esclusivamente alla informazioni verbali che possiedono i parlanti, è la funzione INTRAVERBALE.

Altre funzioni verbali

Completano l’elenco la TRASCRIZIONE, il saper scrivere la parola e il COMPORTAMENTO TESTUALE, vale a dire il saper leggere.

Si conosce totalmente un termine quando ne possediamo tutte le funzioni.
Ciascun operante verbale può essere insegnato separatamente con apposite attività ai bambini con autismo e disturbi del linguaggio.

Per approfondire:

Il comportamento verbale. Skinner

Se vuoi il mio nuovo libro su come fare amicizia con l’autismo ecco dove lo trovi:

copertina libro con due bambini che scambiano un immagina con oggetto

Libro

E-book

(clicca sul formato di tuo interesse)

 

 

 

 

 

 

 

1

Rispondi